/ Chiesa in Ucraina / Santuari della Chiesa Ucraina Creco Cattolica:
Visita pastorale di Sua Santitа Giovanni Paolo II in Ucraina    
23-27 Giugno 2001    
Chiesa in Ucraina

Uno sguardo al cristianesimo, in Ucraina nel XXI secolo
Le Chiese Ortodosse in Ucraina
Le Chiese Cattoliche di Ucraina
La Chiesa Greco-Cattolica Ucraina nella clandestinitа
Una breve storia del cristianesimo in Ucraina
Gli eroi religiosi
Le guide del XX secolo della Chiesa Greco-Cattolica Ucraina
Santuari della Chiesa Ucraina Creco Cattolica
Il rito bizantino


Santuari della Chiesa Ucraina Greco-Cattolica

Mosaico di S. Maria Vergine nella chiesa di S. Sofia

E' un'icona del tipo dell'Orante, detta cosi per il gesto della preghiera della Vergine, che alza le mani verso il cielo. Questa raffigurazione dell'Orante a S. Sofia si chiama anche "Parete Indistruttibile", attorno sono scritte le parole della S. Scrittura: "Il Signore e con te e tu non vacillerai". L'edificio ha resistito 10 secoli, dal momento che e stato costruito alla meta dell'XI secolo. L'Orante e stata un simbolo della resistenza del popolo ucraino e della protezione di Dio sopra questo popolo. Nel secolo XII i mongoli hanno saccheggiato la Chiesa di S. Sofia. Negli anni 30 di questo secolo i comunisti avevano l'intenzione di distruggere l'edificio e al suo posto costruire una piazza che avrebbe ricordato la vittoria del bolscevismo. Durante l'estate del 1941, la Chiesa della Dormizione della S.Vergine della Laura Kievo-Pecerska e S. Sofia dovevano saltare in aria e con essa anche la "Parete Indistruttibile". Ma la realizzazione di questi progetti non e avvenuta.

La Kievo-Pecerska Laura

Sulle rive del Dnipro, vicino a Kiev, fu organizzata la prima comunita di monaci. Da qua i monaci si sono propagati per tutta la Rus'.Gli inizi della Kievo-Pecerska Laura risalgono a sant'Antonio, attorno al 1051. Il primo superiore del monastero era san Teodosio. Nel XII secolo aveva inizio la registrazione di tutte le costruzioni della Chisa e del monastero. Nel 1598 il monastero ottenne il titolo di laura, cioe di raggruppamento di due o tre monasteri, e aveva il diritto di appartenere al Patriarca di Costantinopoli.

Cosi, indipendente dallo stato, il monastero divento uno dei piu grandi centri spirituali e culturali della Rus' di Kiev. Esisteva la possibilita di stampare i libri, un ospedale per i poveri e scuole con diversi direzioni.

La laura occupa un posto di grande importanza per i pellegrinaggi in Ucraina. I principali santuari della Laura sono quelli dove sono conservate le reliquie dei santi monaci, che attirano ogni anno migliaia di pellegrini.Gia nel XVII secolo, il metropolita Petro Mohyla diede inizio al riconoscimento che proprio con l'intercessione dei monaci della Laura avvengono diversi prodigi. Il famoso Pateryk Kievo Pecerskyj raccoglie notizie su tanti di questi santi monaci della Chiesa di Kiev. Gli ultimi restauri sono stati fatti nel 2000.

Santuari della laura di Pocaiv

Gli inizi della vita monastica sul monte di Pocaiv sono legati al nome di un uomo devoto, Turcul. Sul monte di Pocaiv gli appariva spesso in sogno la S.Vergine Maria.Con tempo si uni a lui un altro monaco dal Monte Athos, D. Mefodij. Nell'anno 1219, i due cominciarono a costruire il monastero sul monte di Pocaiv. Nel 1240 circa, al monastero si sono uniti altri monaci da Kiev. Probabilmente il nome del monastero deriva dal fiume Pocaina. Durante i secoli, la giurisdizione del monastero cambiava. Nel periodo dal 1721 al 1831 il monastero apparteneva ai monaci Basiliani.Oggi la Kievo Pecerska Laura appartiene agli ortodossi del Patriarcato di Mosca.

Il piede della S.Vergine Maria

La tradizione popolare dice che sul monte di Pocaiv nel 1240 e apparsa la Vergine Maria. Sulla pietra e rimasta l'orma del suo piede. La sorgente che sgorga da questa pietra guarisce tutti i malati.

Subito dopo che sgorgo la sorgente, li fu costruita la Chiesa della Dormizione della S. Vergine. Durante i secoli, la Chiesa e stata ricostruita piu volte.

L'icona Pocaivska della S. Vergine Maria

Verso la meta del XVI secolo, a Volyn e andato in visita un metropolita greco. Una certa signora Gojska l'accolto onorevole come ospite a casa sua. Come ringraziamento, il metropolita le regalo una icona di Maria. Nel frattempo nella famiglia di Gojska si sono accorti che l'icona brillava di raggi di luce indescrivibile. Per decisione della famiglia, l'icona e stata trasferita nel monastero di Pocaiv. Da allora l'icona e sempre fonte di guarigioni e di benedizioni. Il 23 aprile il Papa Clemente IV ha emanato la bolla con il permesso della incoronazione dell'icona. La festa della incoronazione e avvenuta ringraziando per l'aiuto economico Nicola Pototskyj.

L'icona della S. Vergine di Sarvanytsja

La storia del l'icona prende avvio nel XIII secolo. I racconti popolari si riferiscono a un monaco che fuggiva dal Kiev, divenuta un deserto dopo l'assalto di tatari. Questo monaco si dirigeva verso l'ovest. Durante la fuga, preso dalla stanchezza, si addormento nel bosco. In sogno gli apparve Maria. Il monaco si inginocchio davanti a Lei e la S. Vergine gli sorrise, gli diede la mano e lo sollevo. Svegliatosi dal sonno e guardandosi attorno, il monaco vide uno splendido paesaggio. Mentre se ne andava, si accorse della sorgente e della Icona della S. Vergine che teneva Gesu fra le sue braccia. Ricordando il sogno, il monaco si inginocchio e prego la Madonna. In questo posto il monaco rimase ad abitare. Presso la sorgente costrui la cappella e la colloco l'icona. Dopo non molto tempo li fu costruito il monastero. Il monaco chiamo il luogo Sarvanytsja, perche in ucraino "sirvaty si snu" significa "interrompere il sonno".

Nei tempi in cui i turchi occupavano l'Europa , 1683-1704, il villaggio di Sarvanytsja, la Chiesa e il monastero furono bruciati. La gente tornava poi nei propri paesini e li ricostruiva.

Cosi fu costruita la nuova Chiesa e il monastero.Col tempo, la Chiesa di nuovo e stata di nuovo bruciata, ma il monastero e rimasto fino al 1916, quando poi l'hanno distrutto. Nel 1754 a Sarvanytsja e stata costruita la nuova Chiesa dove hanno messo l'icona.

Nel 1867 e stata coronata l'icona miracolosa di Maria di Sarvanytsja. Tramite il cardinale Giovanni Semeon, il Papa Pio IX ha dato santuario l'indulgenza plenaria. Da allora fino ad oggi a Sarvanytsja si organizzano i pellegrinaggi. Durante i secoli a Sarvanytsja sono avvenuti diversi miracoli. Sarvanytsja e famosa anche per un'altra icona-quadro di Cristo crocifisso. Lo trovo un operaio mentre arava il suo campo.

Grazie alla generosita del metropolita Szeptytskyj il quale regalo un gran terreno ai monaci studiti, essi poterono costruire il monastero ponendolo sotto la prottezione di S. Giovanni Battista. Col tempo il comunismo aveva proibito i pellegrinaggi a Sarvanytsja. La Chiesa di prima e stata resa un deposito, poi l'hanno distrutta. L'icona e stata sempre nascosta dai fedeli della Chiesa. Nel 1989 e stata di nuovo riportata nella Chiesa nuovamente costruita.

Nel 1995 Sarvanytsja e riconosciuta come luogo di pellegrinaggio di tutto il popolo ucraino della Chiesa Cattolica. Nell'estate del 2000 durante il giubileo e stato organizzato un grande pellegrinaggio. Il luogo sacro oggi e viene visitato da migliaia di pellegrini da tutto in mondo.

L'icona della S. Vergine da Terebovla

Oggi l'icona si trova a Leopoli, in ucraino Lviv.

Nel 1673 i turchi tenevano occupato il castello della cittadina Terebovla, che si trova a Trnopil. La gente era affamata e non c'era piu speranza. Una donna si e inginnochiata davanti all'icona della Madonna e la supplicava di aiutare il popolo sofferente. Dalla storia si e saputo che i turchi non hanno preso il castello. Questo aiuto il popolo lo ha attribuito alla Madonna. Da allora Terebovla e diventato un posto di pellegrinaggio. L'icona e stata portata da vescovo Giuseppe Shiumlanskyj nella cattedrale di S. Giorgio. Cosi da allora per chiedere la protezione della Madonna il popolo va sulla collina di S. Giorgio.

L'icona del monastero di Univ

Dai tempi antichi, il villaggio Univ e sempre stato un luogo di benedizione divina. Nella festa della Dormizione di Maria la arriva tanta gente per onorare anche li il luogo dove sta l'icona prodigiosa e una sorgente. Cominciando dal 1994, ogni anno nel mese di maggio un gran gruppo di giovani va sempre in pellegrinaggio, organizzato dai monaci studiti. Nelle cronache del monastero di Univ si ricorda che presso la sorgente e stato guarito il principe Lagodovskyj. Come ringraziamento, egli vi costrui la Chiesa e il monastero. Nella prima meta del XVI secolo, il superiore del monastero ha ottenuto il titolo di archimadrita. Prima i monaci insegnavano, poi si occupavano della stampa. Proprio li vissero la loro vita monastica Jiov Knjiagytskyj, l'archimandrita Varlaam e Atanasij Sczeptytskyj. Agli inizi di XIX secolo, il monastero diventa proprieta della Chiesa Cattolica con il metropolita Myhajlo Levytskyj. Li in Chiesa si trovano i suoi resti. Nel 1919 a Univ, con la benedizione del Metropolita Sczeptytskyj ,sono arrivati i monaci studiti avendo come compito speciale di rinnovare tutto. Oggi, assieme alla Laura di Univ, esistono altri otto monasteri di monaci studiti.

Un altro luogo dove i monaci si prendono cura delle Icone miracolose e anche Krehiv.

Чудотворні ікони з Крехова

На початку XVII ст. неподалік села Фійни оселився монах Йоіл зі своїм товаришем Сильвестром. Спочатку вони жили у скелі, над якою збудували церківцю Петра і Павла. У 1613 році граф Станіслав Жовківський подарував монахові Йоілу місце для зведення Церкви. Спочатку збудували маленьку дерев'яну церківцю а з часом - велику кам'яну церкву і монастир. У зв'язку із численними нападами турків та татар монастир також відігравав роль фортеці, у якій переховувалися і захищалися від нападів місцеві жителі. Монахи цього монастиря мають велику набожність до св. Миколая. На його честь збудували церкву в 1737 р. Народна пам'ять зберегла багато згадок про чудодійну силу образу св. Миколая. Неподалік монастиря на горі Побійній є печера. До неї щороку йде процесія в навечер'я празника перенесення мощів св. Миколая (22 травня).

Образ Пречистої Діви Марії знаходиться у Крехівській церкві св. Миколая вже близько 350 років. У середині XVII ст. його передала монахам родина львівських міщан Красовських. Їхня донька була сліпою від народження . За неї вони заносили благальні молитви перед образом Божої Матері. Сталося так, що донька одужала. Родина передала образ до монастиря. Відтоді його оточують великою пошаною паломники.

Матір Божа Верхратська. До Крехівського монастиря образ був переданий із села Верхрат, що недалеко Рави-Руської. Там свого часу був монастир. У 1885 р. єпископ Йосиф Шумлянський видав спеціальну грамоту, в якій сказану про чудодійність цієї ікони. Коли монастир у Верхраті було зліквідовано 1810 р., чудотворну ікону передали до Крехівського монастиря ЧСВВ.

 Versione stampata

© Web design and programming - TRC Web Team, 2001
Support - Oleh Kuzo, 2001-2006, 2011
© La Chiesa Greco-Cattolica Ucraina, 2001
Research by the - Lviv Theological Academy
Tutti i diritti riservati.